Jingle (my) bells

Dunque ci risiamo.
Natale, fine anno, bilanci, speranze, astrologi di ‘sta minchia che provano a convincerti che “nella quarta decade Saturno entrerà in conflitto con Marte causando un periodo di profonde incertezze lavorative”.
Ma puoi.

Jingle my bells.

Il simpaticone che ci governa trainando il tutto come lo zio che butta i numeri alla tombolata di Natale, blatera che hanno risollevato l’Italia.
Io che giro tutto il giorno e i capannoni in vendita si moltiplicano ogni ORA di più, dico, hai rotto i coglioni, almeno zitto.

Jingle my bells.

In questo momento, proprio mentre sto scrivendo ho un dolore alla spalla sinistra, al ginocchio destro e al piede sinistro che stavo per perdere sotto a 120kg di bombola gpl.
Diventare vecchi fa schifo.
Perdi pezzi un pò per volta.

Jingle my bells.

Personalmente alle recite di Natale dei miei figli riesco ancora a commuovermi, sono fatto così.
Quindi ominide-giacca-e-cravatta, se devi sbuffare ogni due minuti, sfrucugliare i coglioni col cellulare ogni mezzo minuto, ripetere a mezza bocca “ma quando finisce ‘sta roba” a random, beh.
Dopo non ti soprendere se a trentadue denti ti sibilo “andare a rompere il cazzo altrove no?”

Jingle my bells

Se ti bonifico ogni anno puntualmente qualcosa come cinquantamila euro e tu a Natale nemmeno mi fai una cazzo di telefonata, sei un barbone.
No easy way out.
Un barbone.

Jingle my bells

Io ci passo del tempo a cercare le cover sul tubo, mi piace il rock, mi piace la gente che suona in un certo modo, che canta in un certo modo.
Quindi.
I Coldplay me lo devono succhiare e dopo devono semplicemente svanire, come lacrime nella cazzo di pioggia.

Jingle my bells.

Sergio, porcadiquellaputtana, sono tre anni che aspettiamo il seguito dello stramaledetto romanzo, che già voglio dire, ieri sera alla seconda pinta l’amico Ciccio è riuscito a farmi dire che le ultime cose (a parte Magdeburgh) beh, insomma.
Quindi, Magister o no, vedi di finire ‘sto cazzo di libro.
Qui c’è in ballo la stima del sostenitore numero uno.

Jingle my bells.

News aggiornate sulla segretaria mobbizzata dal fidanzato.
Due settimane fa gli ha fatto un discorso serio, non si può andare avanti così, altre balle varie.
Beh finalmente lui è cambiato.
Noi vinciamo la Champions, peraltro senza partecipare.
I funzionari di Banca Etruria verranno a casa vostra a ridarvi fino all’ultimo centesimo.
Scusate un attimo, mi cerca Adriana Lima al cellulare.

Jingle my bells.

Il 2016 è bisesto e tanto per cambiare sarà probabilmente il vero anno di una svolta, in positivo o in negativo.
Certamente saranno necessarie alcune cose:
– Una schiena nuova, ergo ricominciare a nuotare.
– Un romanzo finalmente pronto da proporre a cani e porci.
– Ciulare più spesso (certo, sempre se Adriana Lima mi lascia in pace)
– Qualche soldo in più, che le pezze al culo iniziano a rodere le chiappe.
– Vivere leggermente più in tranquillità, non dico tanto, leggermente.

Niente, vi lascio i Muse che fanno Nina Simone.
Tantissima roba.

Buon Natale balordi.
Di cuore.

 

 

 

Annunci

30 thoughts on “Jingle (my) bells

  1. 321Clic ha detto:

    Trinity College Pub. Marta. Seconda BlackG sul tavolo, terza sigaretta tra le dita, Stone Sour che filtrano dall’interno. Il posto giusto al momento giusto. Ma Feeling Good versione Muse è tantissima roba di più, quel pezzo ce l’ho dentro. Niente, tu quando scrivi vai sempre dritto li. Ma vedi di scrivere anche quel cazzo di romanzo.

  2. cristinadellamore ha detto:

    E buon natale anche a te, naturalmente

  3. diamanta ha detto:

    Ma no! La neve anche da te 🙂 non me l’aspettavo.

    Hai citato nomi di musicisti (a parte di coldplay) che non conosco (ma chissà perchè non credo di sentirne la mancanza 😛 )

    Per il resto, io ho smesso di credere al natale, da almeno 20 anni, ma continuo a esser felice che ci siamo le vacanze di natale

    • metalupo ha detto:

      Almeno da qualche parte c’è.
      In pratica non conosci i Muse e Nina Simone?
      Si necessita studio durante le vacanze.
      🙂

      • diamanta ha detto:

        uhmmm Nina Simone nun sape, per quanto riguarda i muse ti roiporto un pezzo di blog che ho scritto:
        “Pochi anni fa. Un’amica mi scrisse “Dai vieni al concerto con me, è vicino a te, San Siro, ho un biglietto in più, dai te lo regalo”. Io non avevo voglia, casino, gente, confusione, si parlava del terzo anello. Ma volevo veder l’amica che abitava a Roma e che non vedevo da anni. Tutto questo mentre la gente cercava disperatamente i loro biglietti, le chiesi “Chi sono?”. Lei mi rispose e io le domandai ancora “Chi cazzo sono?”.
        Loro erano i Muse.
        Ci son persone che mi detestano ancora oggi per aver trovato un biglietto dei Muse a una settimana dal concerto, di non averlo neppure pagato, mentre domandavo “Chi cazzo sono?” . ”

        Detto questo, detto tutto 🙂 (andrà a rivederli a maggio comunque, un mio amico mi ha già compraro i biglietti 😀 )

  4. Dave Brick Pinza ha detto:

    Primo Natale senza la mia famiglia, dopo 22 anni mi ritroverò in un nuovo mondo. Chi l’avrebbe mai detto lo scorso Natale? Il 2016 è ancora pieno d’incognite. Buone feste a tutti.

  5. AngolodiBuio ha detto:

    Volevo risponderti ieri notte con una mia perla di saggezza.
    Ma, come dire, il commovente tentativo di diluire l’alcol con l’acqua non è andato a buon fine.
    Me lo sono dimenticato, cristo.
    Questa storia del natale e del capodanno, è assurda.
    Non riesco mai a sincronizzarmi.
    Tipo per me siamo ancora a metà giugno.
    E soprattutto mi sta sul cazzo che non possa essere io a decidere quando cambiare anno.
    Magari mi viene voglia a marzo, che so.
    Ho l’ansia da prestazione, insomma.
    Oltretutto c’è fila ovunque, la gente sorride più del solito e cerca di baciarti e abbracciarti per farti degli auguri di cui non te ne fotte niente, invadendo il tuo spazio vitale.
    Non hai voglia e non sai fare regali a comando e quindi finisci per dare soldi in busta a tutti, togliendo ogni senso poetico.
    Di solito non pranzi e ceni agli orari consueti e socialmente accettabili e quindi ti incasini oltremodo.
    Ti arrivano messaggi e chiamate improbabili da numeri che avevi cancellato.
    Mia nonna mi chiede quando ho intenzione di mettere su famiglia e smetterla di fare questa vita.
    Ho fatto, però, una lista dei buoni propositi da mandare a puttane e se la mettessi qui come minimo mi prenderebbero per pazza perchè è roba che la gente fa tutti i giorni normalmente.
    Tipo avere una fissa dimora.
    Fare la spesa.
    E niente.
    Io mi sono appena svegliata e ho messo su gli Opeth.
    Però le cose che vuoi, con il nuovo cazzo di anno, spero tu riesca a prendertele.

    Ma in tutto ciò, dov’è tuo fratello?
    Rido.

    • metalupo ha detto:

      Opeth massimo rispetto.
      In separata sede ti invio indirizzo per la MIA busta con i soldi, ti sopporto ormai da anni avrò diritto a un sontuoso risarcimento.
      Tua nonna scherza, l’ho incontrata in Piazza Vetra a trattare fumo con due tunisini, dice che ogni tanto deve espletare funzioni da nonna se no l’INPS interviene duro.
      La cosa che in realtà da parecchio mi preme chiederti è: Ma a Praga lo vendono il prosciutto di?

      • AngolodiBuio ha detto:

        Non riesco a togliermi l’immagine di mia nonna che tratta fumo con due tunisini.
        Fantastico.
        Visualizzerò quando, a pranzo, mi farà andare il boccone di traverso chiedendomi davanti a tutti se ho le occhiaie perché ho fatto tanto amore.
        Dico davvero.
        E comunque mica mi sopporti.
        Sono un raggio di sole.
        Illumino la vita della gente, cazzo.
        È che non vengo capita.
        Va bene, dammi l’indirizzo.

  6. Moon ha detto:

    Ti dimentichi,my darling, che a conclusione di quest’anno lavorativo,c’è il pranzo di Natale AZIENDALE.
    Masini ci sarà.

  7. metalupo ha detto:

    È più facile che migliori lui piuttosto che tu scimmiata di Tavernello.

  8. Bulut ha detto:

    Buon Natale a te!

    Anch’ io mi commuovo sempre alle recite dei miei figli (anche se qui non si fanno, per il Natale, anzi sarebbe strano le facessero…)

    Ma davvero il fidanzato mobbizzante della segretaria e’ cambiato? O e’ cambiato nel senso che la segretaria ha un altro fidanzato, ora? 😀

    • metalupo ha detto:

      È sempre lui e non è cambiato per un cazzo.
      Buon Natale!

      • Bulut ha detto:

        Oh beh, che costanza la fidanzata allora…
        Comunque da quello che hai scritto non dovrebbe durare a lungo ancora… nel caso lei si illuda che cambierà, dille che gli uomini non cambiano mai, al massimo peggiorano (ops, perdonami, ma e’ vero! Nemmeno le donne cambiano, comunque, e anch’esse inacidiscono col tempo!).

        Grazie per gli auguri! 🙂

  9. U.A. ha detto:

    Letto e sottoscitto in toto!! Ti voglio bene Ciccio!!! U.A.

  10. Dovesei ha detto:

    Auguri balordo! 🙂
    Ti ho pure fatto pubblicità da me. E’ il mio regalo in tempi di crisi!
    Limone duro.

  11. Fedifrago ® ha detto:

    Siccome il natale mi sta sempre più sui maroni …..ho aspettato adesso per commentare.
    Tanto poi beviamo da me tra qualche giorno.

    P.S. Ma Diamanta come ca@@o fa a non conoscere Nina Simone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...