Strade Vuote

 


Decido in fretta, lascio ben poche repliche, scivolo attraverso il serpentone d’asfalto, arrivo a Bellaria nel tardo pomeriggio di venerdì.
Bellaria è esattamente come ci si aspetterebbe a stagione non ancora iniziata.
Vuota.
Orbite putrefatte che osservano un mare putrefatto, limaccioso nel suo essere riciclato, ripompato, drenato nell’essenza più profonda.
Dalla finestra della stanza, la distesa cadavere lambisce la sabbia puzzolente, abbraccia il cuore, lo pressa in una morsa d’acciaio.
Sono qui per incontrare scrittori.
No.
Sono qui per incontrare visionari, lucidi figli della follia, surfisti dell’incubo rivelato.
Siamo sempre noi e forse non lo siamo più, innegabilmente siamo alla ricerca di una seconda anima.
La prima ci ha abbandonato parecchio tempo fa.
Scivoliamo attraverso parole e pagine, pixel e memorie virtuali scagliate nell’etere.
Forse ci pervade una sorta di malinconica certezza, forse siamo davvero all’inizio della ripida scala del postumano.
Forse.

Cosa rimane.
Il sorriso sincero di X
La paura che leggo negli occhi di Dario Tonani.
La sterminata consapevolezza musicale di Black M. Attraversa con me un sole possente lungo la Bassa martoriata,  i Tangerine Dream a farci da guida, uomo il libro è praticamente finito e a mio parere è un gran bel libro.
La follia gravida di ombre di Antares con annesso granchio putrescente.
La presenza possente del mio padre spirituale Sergio “Alan D.” Altieri, cazzo uomo diamola NOI una spintarella alla fine di questo marcio mondo.
Zoon, fratello, tu lo sai, essere ammassi biologici pensanti a volte è una fregatura del cazzo. Avere sempre e comunque il grugno nella morchia è una fregatura del cazzo. Ma, mi avete fatto sentire davvero bene.
Il folletto dark senza fissa dimora nell’universo,  baci da lontano con la mano sulle labbra, come si faceva secoli fa, adorabile.

Grazie a tutti, quando vi vedo io sono a casa.


Annunci

One thought on “Strade Vuote

  1. zoon ha detto:

    pensavo di non commentare, te l’avevo detto. e invece è impossibile non farlo. si sta bene in gruppo, sì, parecchio. ecco perché è necessario rivedersi presto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...